Ginocchio

Churigia
Meniscale
Artroscopica

Approfondisci le informazioni su questo intervento chirurgico.

Ginocchio

Chirurgia
Meniscale
Artroscopica

Approfondisci le informazioni su questo intervento chirurgico.



Churigia Meniscale Artroscopica

I Menischi sono due strutture fibrocartilaginee di forma semicircolare che si trovano interposte tra il femore e la tibia, e che servono a ridurre l’attrito nell’articolazione fungendo da ammortizzatori. I due menischi presenti nel ginocchio sono il menisco laterale all’esterno e il menisco mediale all’interno del ginocchio. Essi aiutano a distribuire uniformemente il peso corporeo sull’articolazione del ginocchio e poiché sono di consistenza dura e “gommosa”, ammortizzano l’articolazione e la mantengono stabile, proteggendo anche la superficie articolare della tibia. Come stabilizzatori secondari, i menischi intatti interagiscono con la funzione stabilizzante dei legamenti e sono più efficaci quando i legamenti circostanti sono intatti. Le lesioni meniscali sono una delle lesioni più frequenti a livello del ginocchio e avvengono quando la parte superiore della gamba viene ruotata con il piede fisso a terra, oppure durante l’accoppiamento di movimento di flessione e rotazione del ginocchio causata da traumi anche banali. L’improvvisa lesione meniscale è tipica degli atleti, specialmente quelli coinvolti negli sport di contatto e prende il nome di “lesione traumatica”. Esistono poi una serie di lesioni mensicali causate da traumi banali, o addirittura in assenza di traumi che prendono il nome di “lesioni degenerative”. Queste ultime sono tipiche dei pazienti over-50, in cui il tessuto meniscale si indebolisce con l’età e si predispone a rotture multiple e complesse.
La maggior parte della struttura meniscale non ha afflusso di sangue e per questo motivo il menisco danneggiato non è in grado di subire il normale processo di guarigione che si verifica nel resto del corpo. Pertanto, solitamente, quando il menisco è danneggiato i pezzi “lacerati” si muovono in modo anormale all’interno dell’articolazione, causando sintomi come dolore sul lato interno o esterno del ginocchio, gonfiore, blocco articolare e senso di impegno dentro il ginocchio. La fonte del dolore al ginocchio dovrebbe essere valutata per determinare le opzioni di trattamento per alleviare il dolore. A seconda della storia medica e dell’esame obiettivo, il possono essere necessari esami strumentali come radiografie e risonanza magnetica.
Il trattamento immediato dopo una lesione meniscale è di riposo, ghiaccio e bendaggio compressivo. Dopodiché, in base alla visita Specialistica Ortopedica, può essere elaborato un trattamento. Inizialmente è consigliabile intraprendere un percorso conservativo con il rafforzamento muscolare e articolare. La maggior parte delle volte però non è possibile ottenere buoni risultati in questo modo, proprio a causa della scarsa capacità di guarigione del menisco stesso, e della presenza di fastidiosi sintomi “meccanici” come blocchi o scatti articolari.

Bonifica meniscale artroscopica: è un intervento chirurgico mini-invasivo riservato al trattamento della maggi parte delle lesioni meniscali non riparabili e delle lesioni degenerative. Consiste nell’introduzione di una piccola telecamera e di piccoli strumenti all’interno del ginocchio, attraverso fori di pochi millimetri. Distendendo la cavità articolare con dell’acqua è possibile lavorare all’interno del ginocchio monitorando le azioni attraverso un monitor, tramite una pratica chiamata “Artroscopia”. In questo modo si può rimuovere selettivamente solo la porzione di menisco lesionata, lasciando intatta la porzione sana, e smussando i margini rimanenti per ricreare una sorta di “bordo”.
L’intervento solitamente dura circa 30 minuti, e sta nell’esperienza del chirurgo riconoscere la zona lesionata da quella sana e decidere l’entità della bonifica. Generalmente, i risultati della bonifica meniscale artroscopica (meniscectomia) sono molto buoni, soprattutto se riguardano lesioni traumatiche, coinvolgono il menisco mediale e comportano una rimozione meniscale minima (introno al 20%). In caso di lesioni degenerative è critico definire l’entità della bonifica, in quanto molto spesso il tessuto meniscale presenta una scarsa qualità in maniera generalizzata; bisogna pertanto raggiungere un bilanciamento tra aggressività della bonifica e mantenimento di sufficiente tessuto meniscale. È infatti bene tenere a mente che esiste un rischio di artrosi dopo rimozione meniscale che è proporzionale alla quantità di menisco rimossa, e che è più evidente nel caso di meniscectomie laterali. L’artrosi post-meniscectomia compare solitamente nel giro di 10-20 anni. Fortunatamente però, la meniscectomia è riservata a piccole lesioni del margine meniscale libero, mentre in caso di lesioni più ampie è possibile eseguire un intervento di riparazione.


Intervento di Bonifica Selettiva del Menisco Esterno eseguito dal Dr. Alberto Grassi.

Nella Immagine 1 è possibile vedere il menisco esterno normale intatto che si presenta in Risonanza Magnetica come una struttura triangolare dal colore nero (linea rossa tratteggiata), interposta tra il femore e la tibia.
Nella Immagine 2 è possibile apprezzare una lesione non riparabile del corpo del menisco esterno, dove la porzione lesionata (linea verde tratteggiata) si disloca all’interno dell’articolazione (freccia bianca) causando blocchi articolari e dolore.
Nella Immagine 3 è possibile vedere l’effetto dell’intervento di Bonifica Selettiva del Menisco Esterno, dove non è più apprezzabile il solamente il frammento lesionato (freccia bianca) in quanto rimosso, mentre è mantenuta la restante struttura meniscale non interessata dal danno (linea tratteggiata rossa).



Per approfondire l’argomento, leggi gli articoli pubblicati dal Dr. Alberto Grassi su questo argomento, tra cui:

  • Grassi A, Pizza N, Andrea Lucidi G, Macchiarola L, Mosca M, Zaffagnini S. Anatomy, magnetic resonance and arthroscopy of the popliteal hiatus of the knee: normal aspect and pathological conditions. EFORT Open Rev. 2021 Jan 4;6(1):61-74.

Premi sulla barra per esplorare gli altri Interventi Chirurgici sul Ginocchio.





Churigia Meniscale Artroscopica

Il contenuto di questa pagina ha scopo informativo e non sostituisce un consulto Medico. Pertanto si consiglia di rivolgersi ad un Medico di fiducia per una visita medica, in caso di necessità.

Se vuoi richiedere una Visita Specialistica con in Dr. Alberto Grassi per la valutazione di questa patologia o per eseguire questo trattamento, ricerca i contatti nella sezione dedicata, oppure premi su “Richiedi Visita”.



Dr. Grassi in breve…


Medico Chirurgo, Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente Medico presso l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. Professore a Contratto all’Università di Bologna. Membro del Comitato Artroscopia della Società Europea di Chirurgia Artroscopica, del Ginocchio e dello Sport (ESSKA). Visita a Bologna e Santarcangelo di Romagna (RN).



Copyright by Dr. Alberto Grassi 2021. All rights reserved.